Come risparmiare energia in casa

Tanti piccoli trucchi per una casa più efficiente, risparmiosa, verde.

 

L'amore non ha bisogno di grandi gesti: vive delle piccole cose, si dimostra con piccole scelte compiute quotidianamente per la persona a cui vogliamo bene. Nei confronti del pianeta vale la stessa regola: se lo amiamo, bastano piccole azioni per dimostrare il nostro affetto. Una di queste è il risparmio dell'energia in casa. Ecco qualche suggerimento pratico

Fatevi regalare elettrodomestici in classe A+++

Questa potrebbe essere una splendida idea per la lista nozze, dato che frigorifero, lavastoviglie, forno, piano cottura (per chi sceglie l’induzione), ma anche lavatrice, condizionatore e televisore costituiscono una spesa ingente. Sull’etichetta energetica deve esserci scritto A+++. I frigoriferi di questa classe, per esempio, sono il 60% più efficienti dei modelli in classe A, mentre l’efficienza delle lavastoviglie migliora del 30%.

Anche come usate il frigo conta

Collocatelo distante dalle fonti di calore, possibilmente lontano dal forno, dai termosifoni e dalle finestre se gli proiettano il sole addosso. Meglio evitare l’incasso nei mobili o nelle nicchie a parete. Bisogna sempre distanziare un po’ il frigorifero dal muro ed evitare di introdurvi cibi ancora caldi. Pulire regolarmente il frigorifero dalla brina può far risparmiare molti soldi sulla bolletta (i no frost non hanno questo problema). E poi il termostato: regolatelo tra il livello minimo e il medio, con una temperatura tra i 3° e i 5°C per il frigo e tra i -18° e i -15°C per il congelatore

Se volete compiere un gesto carino per la vostra dolce metà, confezionate gli alimenti da surgelare in piccole porzioni: ciò rende più rapido il processo di congelamento e più facile il trasporto di monodose in ufficio.

Indicazioni per le cene romantiche: quale forno

Se siete romantici e amate le cene a lume di candela, non può mancare il forno elettrico di classe A+++:con circa 50 cotture stimate l’anno si consumano circa 40 kW/h (il forno in classe D ne consuma 100) quindi il risparmio in bolletta potrebbe essere dai 15 ai 20 euro annui. Consigli: meglio scegliere un modello ventilato, perché fa circolare l’aria calda in modo uniforme e permette di velocizzare la cottura dei piatti. Altre buone abitudini sono quelle di evitare di aprire in continuazione il portello per controllare la cottura. Evitate di preriscaldare e limitate al minimo l’uso del grill che può incidere molto sui costi in bolletta. Infine, mantenere pulito il forno è un’ulteriore buona abitudine.

Indicazioni per le cene romantiche #2: piano cottura a gas o a induzione?

I fornelli a gas sono un classico: convertono immediatamente l’energia primaria in calore, con una scintilla. Per risparmiare, potete far sempre bollire le pentole con il coperchio e non usare pentole più strette del diametro del bruciatore. Se invece optate per i più moderni piani cottura a induzione magnetica l’efficienza è molto superiore (del 90%!), ma i consumi di picco anche. Ricordate che per poter allacciare questo tipo di piano cottura alla rete elettrica di casa è necessaria molta potenza (i più piccoli bruciano 3.000 W, la maggioranza 5.500 W). 

Riscaldamento, più abbracci e meno gradi

Per risparmiare, tenete i termosifoni liberi, non copriteli con mobili, copricaloriferi e tende. E se avete il riscaldamento autonomo, pulite regolarmente la caldaia, evita sprechi. Ricordate poi che la temperatura massima per abitazioni, uffici, scuole e negozi stabilita per legge è di 20°C, con due di tolleranza. Quindi programmate il termostato di conseguenza: per ogni grado in meno, la spesa in bolletta cala del 7% - dai 70 ai 150 euro annui - e si evitano 334 kg di CO2. Per essere ancora meno energivori ed evitare spiacevoli sbalzi di temperatura, vanno benissimo anche 18°C o 19°C, un golf pesante e… qualche abbraccio in più.

Ristrutturate con amore (per il pianeta)

Per essere felici bastano due cuori e una capanna… ma che sia ben coibentata! Se si sta acquistando casa o si è in fase di ristrutturazione, vi sono moltissime soluzioni per ridurre notevolmente i consumi energetici. Si possono prendere in considerazione pompe di calore, impianti a pannelli radianti a bassa temperatura, impianti solari termici e tutti i materiali per l’isolamento termico.Riscaldare una casa poco efficiente può costare dieci volte tanto una casa di classe A, secondo Sos Tariffe. Nelle aree alpina e padana per un’abitazione di 120 mq di classe A si risparmiano 1.600 euro l’anno rispetto a una casa di classe G, mentre nelle zone peninsulari e insulari la convenienza è di 1.296 euro e 976 euro.

Per rendere la tua casa 100% sostenibile, scegli l’energia di LifeGate. Made in Italy, da fonti rinnovabili, a Impatto Zero®, per la prima volta LifeGate ti offre la scelta di un’energia sicura, pulita, certificata. SCOPRI DI PIU'